HAI UNA DOMANDA?

Contattaci

HAI UN'ALTRA DOMANDA?

Inviaci un'e-mail e faremo del nostro meglio per aiutarti.

Inviaci un'e-mail

Domande Frequenti

Consiglia selezionare un prodotto.

Perché i ricevitori Rotel sembrano avere meno potenza (watt) di altri ricevitori di altri produttori con prezzi comparabili?

Per paragonare la potenza (in watt) fra i ricevitori surround dovremmo presumere che le procedure di misurazione degli amplificatori vengano eseguite da tutti nello stesso modo, il che non è vero. Al momento della stesura di questa risposta, la FTC non ha indicato uno standard per la potenza dei ricevitori e amplificatori multicanale, cosa che, invece, è stata fatta qualche anno fa per i ricevitori e amplificatori stereo. Il vecchio standard si basava sul fatto che un produttore dovesse pubblicare i propri valori di potenza di tutti i canali, da 20 Hz a 20 kHz, con un carico standard (di solito, 8 ohm). Oggi questo non succede e quello che Rotel dichiara come 75 W per canale, un altro produttore potrebbe considerarlo a 120 W. Tutto dipende dalla metodologia di misurazione. Oggi, molte aziende dichiarano l’uscita dall’amplificatore di potenza prendendo in considerazione un solo canale e, spesso, con un’impedenza inferiore, per pater dichiarare una potenza superiore. È un comportamento leale? No, ma è qualcosa che succede tutti i giorni.

Modelli Applicabili:
RSX-1055 | RSX-1056 | RSX-1057 | RSX-1058 | RSX-1065 | RSX-1067 | RSX-1550 | RSX-1560 | RSX-1562

Perché Rotel non ha Auto EQ?

Ci è stato chiesto molte volte perché i ricevitori audio/video Rotel non prevedono la gestione Auto EQ. La risposta è che anche se questi dispositivi sono in grado di modificare le caratteristiche del suono, non crediamo che, al livello attuale di produzione del prodotto, i benefici effettivi siano davvero superiori. Inoltre, il costo di inserimento di questa caratteristica andrebbe a discapito delle performance audio globali. Per una risposta più esaustiva, continuare a leggere.

L’industria elettronica è un settore che si evolve relativamente in fretta e i componenti elettronici per l’audio surround e delle TV a schermo grande hanno portato il cinema all’interno delle nostre abitazioni. Tuttavia, non tutte queste caratteristiche possono essere considerate come un beneficio reale. Auto EQ è la soluzione più recente per aggiungere calore ai ricevitori home theater. La premessa di Auto EQ è che elimina i dubbi relativi alle variabili acustiche di un locale servendosi di un microfono e di un certo livello di elaborazione del segnale digitale. Tuttavia, basterebbe leggere l’esaustivo articolo di Keith Howard, Anti-Node: Active Room-Acoustics Correction pubblicato su “Stereophile” di gennaio 2008 per comprendere quanto sia difficile farlo in modo adeguato, anche in presenza di costosi sistemi EQ dedicati. Anche se questo potrebbe essere visto come una sorta di denigrazione di Auto EQ perché non ne prevediamo la presenza in nessuno dei nostri modelli, continuiamo a essere convinti che questa funzionalità aggiunge un fattore di costo che potrebbe molto meglio essere destinata a elementi ad alto livello di prestazioni che migliorano realmente la qualità del suono.

Per fare un’analogia, è un po’ come comprare una Yugo con sedili riscaldati, tettuccio elettrico e ruote cromate da 20". La Yugo, indubbiamente, apparirà più bella rispetto a una Honda base, ma continuerà sempre a rimanere una Yugo. In effetti, in alcune occasioni, l’auto correzione dell’equalizzazione può fare più male che bene. E questo perché l’elaborazione EQ digitale a questo livello non assomiglia neanche lontanamente a quel livello di sofisticatezza che ci si aspetta di ottenere. L’elenco dei componenti di un produttore di ricevitori home theater dimostrerebbe ben presto che i ricevitori non saranno in grado di aggiungere quella potenza di elaborazione (costo del chip) richiesta per garantire un lavoro ben fatto e competitivamente valido. Il risultato finale è che il valore insito in un chip Auto EQ è una sorta di scommessa per quanto riguarda le frequenze dannose e la sostanziale alterazione delle loro onde sonore potrebbe portare a cambiarne anche altre con effetti negativi sul suono.

Se si si desidera davvero ottenere il miglior suono possibile dal proprio sistema home theater o stereo, consigliamo di contattare uno specialista audio/video di Rotel. Avrà certamente le competenze necessarie per fornire consigli adeguati: corretto posizionamento delle casse nel locale e impostazione del software di sistema per la gestione dei bassi e dei livelli delle casse per ottenere un suono ottimale. Se si desidera comunque ottenere performance impareggiabili, il tecnico Rotel concorderà con voi i materiali di trattamento correttivi per l’ambiente, oppure vi aiuterà a progettare ex novo un ambiente acustico appropriato.

A Rotel non ignoriamo l’importanza della flessibilità del controllo delle modalità di riproduzione in un ambiente chiuso. Lo sapevate che le nuove serie 15 di componenti prevedono opzioni flessibili per la gestione dei bassi? Possono prevedere configurazioni indipendenti per le casse e impostazioni crossover per ciascun canale e modalità surround. Potrete anche creare “filtri elimina banda” da applicare alla frequenze che generano problemi. Per esempio, in una modalità in ambiente chiuso con un nodo a 90 Hz si potranno impostare le casse principali perché riproducano 100 Hz e il subwoofer 80 Hz. Per una flessibilità ancora maggiore, si hanno a disposizione regolazioni aggiuntive che consentono di impostare indipendentemente ogni canale a 10 kHz e a 100 Hz. Si tratta di regolazioni acustiche in grado di migliorare attentamente le performance del sistema, senza per questo creare problemi di portata maggiore. In sostanza, non vi è alcuna altra alternativa alla progettazione e all’installazione di un sistema home theater se non quella di affidarsi ad esperti del settore dotati delle conoscenze adeguate.

Modelli Applicabili:
RSP-1572 | RSP-1582 | RSX-1562

Perché Rotel utilizza sia amplificatori di Classe AB, sia di Classe D?

Sono decenni che Rotel progetta, produce e migliora i propri amplificatori di Classe AB. Queste proposte si sono dimostrate particolarmente affidabili e hanno ottenuto molti riconoscimenti significativi per la loro eccellenza acustica. Parte della nostra reputazione è dovuta a uno straordinario livello di attenzione che dedichiamo all’alimentazione di potenza, in particolare per quanto riguarda il componente più costoso di un sistema: il trasformatore. Per assicurare che questo elemento critico soddisfi, o vada oltre, tutte le specifiche, costruiamo e sottoponiamo tutti i trasformatori di potenza a prove interne. Per alcuni amanti dell’audio, gli amplificatori di potenza di Classe AB continuano a essere la scelta preferenziale per le loro prestazioni collaudate nel corso dei decenni.

Molti delle odierne applicazioni home theater e su più ambienti, tuttavia, richiedono componenti che non si limitino a soddisfare i più alti livelli sonori ma che siano anche in grado di adattarsi a spazi ristretti, come gli armadi personalizzati o i rack inseriti in pareti o in ripostigli. I componenti elettronici sistemati in questi spazi ristretti generano grandi quantità di calore dannoso, generato principalmente dagli amplificatori analogici. In queste condizioni, gli amplificatori di Classe D sono la soluzione più adeguata. Indipendentemente dal fatto che si scelga un amplificatore di Classe AB o i nuovi amplificatori di Classe D si potrà sempre contare sul fatto che gli amplificatori Rotel saranno comunque in grado di fornire un suono ottimale e affidabile per tutte le esigenze audio e video.

Modelli Applicabili:
RA-02 | RA-10 | RA-11 | RA-12 | RA-1060 | RA-1062 | RA-1070 | RA-1520 | RA-1570 | RA-1592 | RB-1050 | RB-1070 | RB-1072 | RB-1080 | RB-1090 | RB-1091 | RB-1092 | RB-1510 | RB-1552 | RB-1552 MkII | RB-1562 | RB-1572 | RB-1582 | RB-1582 MkII | RB-1590 | RCX-1500 | RKB-250 | RKB-2100 | RKB-650 | RKB-850 | RKB-8100 | RKB-D850 | RKB-D8100 | RMB-1048 | RMB-1066 | RMB-1075 | RMB-1076 | RMB-1077 | RMB-1085 | RMB-1095 | RMB-1506 | RMB-1512 | RMB-1555 | RMB-1565 | RMB-1575 | RMB-1585 | RSX-1055 | RSX-1056 | RSX-1057 | RSX-1058 | RSX-1065 | RSX-1067 | RSX-1550 | RSX-1560 | RSX-1562 | RX-1050 | RX-1052

Rotel può essere gestito da telecomandi prodotti da terzi?

Certamente, Rotel funziona con diversi tipi di telecomando e sistemi di controllo, come Crestron, Universal Remote, Logitech, RTI e molti altri. Sarebbe però opportuno farsi assistere da un programmatore professionale suggerito dal rivenditore in quanto l’aggiunta di ulteriori componenti rende più complessa la programmazione.

Modelli Applicabili:
A12 | A14 | CD14 | RA-02 | RA-05 | RA-11 | RA-12 | RA-1060 | RA-1062 | RA-1070 | RA-1520 | RA-1570 | RA-1592 | RC-1070 | RC-1082 | RC-1090 | RC-1550 | RC-1570 | RC-1580 | RC-1590 | RCC-1055 | RCD-06 | RCD-12 | RCD-1070 | RCD-1072 | RCD-1520 | RCD-1570 | RCX-1500 | RDD-1580 | RDG-1520 | RDV-1040 | RDV-1045 | RDV-1050 | RDV-1060 | RDV-1080 | RDV-1092 | RDV-1093 | RSP-1066 | RSP-1068 | RSP-1069 | RSP-1098 | RSP-1570 | RSP-1572 | RSP-1582 | RSX-1055 | RSX-1056 | RSX-1057 | RSX-1058 | RSX-1065 | RSX-1067 | RSX-1550 | RSX-1560 | RSX-1562 | RT-02 | RT-09 | RT-11 | RT-12 | RT-1080 | RT-1084 | RX-1050 | RX-1052 | RX-1052 V03 | T11 | T14

Non riesco più a collegarmi alla stazione radio Internet che ascolto da settimane – A video compare solo il messaggio “Connecting”.

A volte, le stazioni radio Internet semplicemente scompaiono, oppure cambiano URL, ovvero l’indirizzo che Rotel utilizza per riprodurre il segnale in streaming. Accedere al proprio account da www.rotelradio.com e ricaricare la stazione desiderata per verificare che sia ancora disponibile. Se il sito segnala che la prova di streaming non è andata a buon fine, questo significa che il servizio è stato interrotto.

Modelli Applicabili:
RCX-1500 | RDG-1520 | RT-09 | RT-12

Il telecomando del ricevitore/processore Rotel è dotato di codici IR discreti per telecomando, per il controllo della zona 2?

Sì, molti ricevitori e processori Rotel sono dotati di codici discreti per telecomando, per il controllo di potenza e volume e la selezione dell'ingresso per le zone 2-4. In molti casi, questi codici non sono disponibili nel telecomando fornito in dotazione, ma è possibile i codici esadecimali originari dalla sezione Assistenza del sito. Inoltre, questi codici potrebbero essere già disponibili in molti telecomandi e sistemi di controllo di altri produttori.

Modelli Applicabili:
RSP-1069 | RSP-1570 | RSP-1572 | RSX-1057 | RSX-1058 | RSX-1550 | RSX-1560 | RSX-1562 | RX-1052 | RX-1052 V03

Sui ricevitori e processori surround Rotel vi sono degli ingressi analogici puri e non elaborati?

Sì – Questi ricevitori Rotel prevedono una modalità “Bypass” per tutti gli ingressi stereo analogici che consente al segnale di ignorare tutte le elaborazioni DSP interne, conservando lo stato analogico puro dall’ingresso all’uscita. In aggiunta agli ingressi stereo analogici, i ricevitori e i processori Rotel offrono anche un ingresso analogico multicanale in grado di ignorare anche tutte le elaborazioni interne; questo consente di collegare al sistema una fonte multicanale come il riproduttore SACD (Super Audio CD).

Modelli Applicabili:
RSP-1068 | RSP-1069 | RSP-1098 | RSP-1570 | RSP-1572 | RSP-1582 | RSX-1056 | RSX-1057 | RSX-1058 | RSX-1067 | RSX-1550 | RSX-1560 | RSX-1562

Le unità RSP-1066, RSX-1055 o RSX-1065 hanno ingressi analogici puri e non elaborati?

Gli ingressi analogici di RSP-1066, RSX-1055 e di RSX-1065 sono tutti ingressi analogici puri quando vengono usati in modalità stereo a 2 canali. Si verifica una qualche elaborazione digitale per la generazione di un’uscita subwoofer stereo, ma questo non interferisce con il segnale originale. Il segnale viene suddiviso all’ingresso e una copia del segnale viene inviata all’elaborazione continua e al crossover digitale dell’unità per generare l’uscita subwoofer stereo. Il solo processo di elaborazione che il segnale vede prima dell’uscita è il controllo dei toni e del volume. L’altro ingresso analogico presente su questi modelli è quello multiplo a 7 canali. Si tratta di un bypass analogico puro del circuito DSP senza alcuna elaborazione, con un solo filtro analogico da 100 Hz che reindirizza alcune informazioni dei bassi inferiori a 100 Hz all’uscita subwoofer, consentendo comunque alle uscite delle casse di gestire un segnale a gamma completa. Ciò consente di avere un’uscita subwoofer anche in presenza di materiale di origine che non contiene un canale LFE dedicato.

Modelli Applicabili:
RSP-1066 | RSX-1055 | RSX-1065

Posso collegare al mio amplificatore integrato Rotel un subwoofer potenziato?

La maggior parte degli amplificatori integrati Rotel sono dotati uscite per i livelli del segnale di linea e di amplificazione che potranno essere usate per collegare al sistema un subwoofer potenziato.

Per collegare un subwoofer potenziato tramite il livello del segnale di linea (RCA) si potranno usare le connessioni PRE OUT destra e sinistra dall’unità Rotel all’ingresso del livello di linea del subwoofer.

In alternativa, si potrà collegare la maggior parte dei subwoofer tramite i cavi delle casse; il Manuale per l’utente del subwoofer dovrebbe contenere ulteriori informazioni sulle connessioni relative alle diverse opzioni di impostazione quando si usano collegamenti per il livello del segnale alle casse.

Modelli Applicabili:
A10 | A12 | A14 | RA-02 | RA-10 | RA-11 | RA-12 | RA-1060 | RA-1062 | RA-1070 | RA-1520 | RA-1570 | RCX-1500
Country / Language Selector

Country / Language Selector

Please select your destination and language below:

Rotel Newsletter

Please provide us with your email address to get the latest news in sound technology and products. Sign up for the Rotel Newsletter today!